E lucevan le stelle, il libro di Claudio Capitini dedicato ai protagonisti dell’Arena di Verona

uscita 9 giugno 2017

Claudio Capitini

E LUCEVAN LE STELLE
L’Arena di Verona raccontata dai protagonisti
pp. 503, f.to 14 x 21, cartonato con sovracoperta, illustrato con foto d’archivio (molte inedite) degli artisti, ISBN 978-88-6099-332-8,  prezzo copertina € 25

Béjart, Bocelli, Bolle, Carreras, Di Stefano, Domingo, Fracci, Gasdia, Maazel, Muti, Nucci, Nureyev, Olivero, Pavarotti, Pretre, Ricciarelli, Terabust, Vasiliev, Zeffirelli… Sono solo alcuni degli 80 straordinari protagonisti del festival dell’Arena di Verona che si raccontano in questo libro come in un itinerario affascinante e irripetibile lungo la storia del teatro all’aperto più grande del mondo. I miti, insieme ai talenti dell’oggi, svelano in queste pagine e in un unico sguardo i tratti della loro umanità e della loro arte. In quarant’anni di attività giornalistica Claudio Capitini ha incontrato gli artisti uno ad uno e ha colto la peculiarità della loro anima, in dialoghi sorprendenti. La narrazione diventa un viaggio sentimentale che si storicizza attraverso interviste da vivere come gustose e irrinunciabili testimonianze. Il loro insieme si trasforma in un fondamentale strumento per capire come si pensasse e realizzasse il teatro lirico in quegli anni.

CLAUDIO CAPITINI (1947) è nato a Verona, dove vive e opera da giornalista. Laureato in Lettere e Filosofia presso l’Università di Padova con tesi in Storia del Teatro, nello stesso periodo ha frequentato il Piccolo Teatro di Milano. E’ critico teatrale e autore di programmi radio-televisivi. Consulente aziendale nell’area Comunicazione multimediale e Direct Marketing, è formatore ed esperto di public speaking. In questo ambito è autore di un saggio-manuale sull’efficacia della comunicazione tramite le tecniche del teatro titolato “Il ComunicatTore”. E’ stato Capo Ufficio Stampa presso l’Ente Lirico Arena di Verona. Con Marsilio ha pubblicato nel 2014 “Le voci del Teatro. Interviste ai grandi della scena”.

 

Recommended Posts