La Chiesa Cattolica e il comunismo in Europa centro-orientale e in Unione Sovietica

In uscita ad Aprile 2016

a cura di Jan Mikrut
Prefazione del Card. Miloslav Vlc

La Chiesa Cattolica e il comunismo in Europa centro-orientale e in Unione Sovietica

pp. 800, formato cm 17×24, cartonato, ISBN 978-88-6099-293-2
prezzo euro 48,00

L’opera inaugura una nuova Collana scientifica, dedicata alla Storia della Chiesa cattolica nei paesi dell’Europa centro-orientale, all’epoca dei regimi comunisti. Seguiranno altri due volumi interamente dedicati all’Unione Sovietica. Il cristianesimo, sebbene perseguitato, non fu spazzato via dall’ateismo militante e sopravvissero non solo la gerarchia ma anche la Fede delle persone. La storia di queste nazioni è marcata dallo spartiacque del 1989, con il crollo del sistema sovietico e delle barriere fisiche che impedivano ai cittadini di poter circolare liberamente in Europa. Con il diffondersi di nuove forme democratiche di governo sono avvenuti grandi mutamenti nell’organizzazione interna degli Stati e nei rapporti fra loro, fatti per lo più oggi sconosciuti alle nuove generazioni. Il volume esamina la travagliata storia dei paesi governati dai regimi comunisti con una particolare attenzione alla storia della Chiesa Cattolica, che subì persecuzioni notevoli a causa della sua struttura sovranazionale, dipendente dalla Santa Sede. Tra gli attori protagonisti di questa lunga, dolorosa ma affascinante storia, nello sfondo o in primo piano, appare papa Giovanni Paolo II, una personalità titanica che, tra luci ed ombre, ha preso per mano la storia di quelle nazioni, portandola alle soglie del terzo millennio, all’unisono, o quasi, con il mondo occidentale.
Gli autori del volume sono esperti in materia, provenienti da diversi paesi dell’area in esame. Varia ed articolata nei contenuti, fornita di bibliografia accurata ed estesa, l’opera appare una lettura interessante per ricchezza e competenza di informazioni e sollecita a chiarire i fatti, spesso riportati in modo confuso o ambiguo, riguardanti quello squarcio di secolo, fondamentale nell’assetto della storia europea.

JAN MIKRUT, nato nel 1960 in Polonia, è sacerdote dell’archidiocesi di Vienna (Austria). Ha conseguito i suoi titoli accademici in diverse università europee: Vienna, Cracovia, Roma. Dottore in teologia, in scienze umanistiche e in storia della Chiesa, è professore straordinario presso la Facoltà di Storia e Beni Culturali della Chiesa della Pontificia Università Gregoriana, ove tiene diversi corsi inerenti alla storia della Chiesa e alle materie storico-agiografiche. È professore presso la Facoltà di Teologia della stessa università, dove tiene il corso di Storia della Chiesa.

 

Recent Posts