#cisonoanchio, i millennials aprono gli occhi sul web, contro ogni forma di bullismo

uscita 22 gennaio 2018

Monica Sommacampagna

#cisonoanchio
 Nel buio di questa notte non mi aspetto di trovare luce. E invece…

postfazione di Giuliana Guadagnini

pagine 135, formato cm 14 x 21, ISBN 978-88-6099-356-4, € 13

Monica Sommacampagna, #cisonoanchio, postafzione Giuliana Guadagnini, Gabrielli editori, cyberbullismo, bullismo, millenialsNel romanzo #cisonoanchio i millennials aprono gli occhi sul web. La protagonista Asia, 13 anni, impopolare tra i suoi coetanei, avvia una singolare ricerca del compagno dileguatosi dai social. Contro ogni forma di isolamento e bullismo.

Ogni adolescente può attivare online e offline la modalità positiva #cisonoanchio e fare rete tra ragazzi e con gli adulti per contrastare l’emarginazione, il bullismo e il cyberbullismo. È il messaggio “social” di nome e di fatto del nuovo romanzo di Monica Sommacampagna#cisonoanchio: il diario di Asia, una ragazzina di 13 anni che non va bene a scuola e vive dai nonni, in un mondo tutto suo. Un giorno, quando perde la connessione stabilita attraverso la chat via Telegram con il suo unico amico Cheng si mette in testa che sia scomparso. Sarà vero? O Asia si inventa problemi che non esistono? Il suo passato, del resto, nasconde un segreto che maschera ogni cosa. ANTEPRIMA QUI

Il racconto si sviluppa, con suspense crescente, dalla originale sensibilità della ragazzina attraverso social media come Telegram, Instagram e ASKfm e con un linguaggio narrativo nuovo, veloce e diretto che non lesina hashtag e riferimenti a una generazione “Adidas” che si nutre delle canzoni di Ghali. “Azzeccato il sentiment generale del racconto, molto addentro il mondo adolescente” scrive nella postfazione la psicologa Giuliana Guadagnini. “Un universo non solo al negativo che fa scalpore o etichettato dai cliché, ma anche animato da sentimenti e da attenzio­ne verso l’altro, dal desiderio di comprendere le di­versità e di viverle come prolungamento della propria identità che sta crescendo, con tutte le difficoltà del caso”.

Nel buio della notte digitale vissuta da Asia, e dagli altri personaggi del romanzo, in realtà nessun ragazzo è solo. È possibile trovare luce. In questo la famiglia e, in particolar modo, i nonni giocano una partita importante per la loro crescita. “Da quando ho iniziato a scrivere #cisonoanchio si sono moltiplicate le iniziative di prevenzione e suppor­to per fare rete reale tra ragazzi e ragazzi, tra ragazzi e adulti” spiega l’autrice. “Possiamo contrastare una rete che incute paura senza respiro con una rete positiva che dialo­ga e supporta. Ed è qui che entriamo in gioco noi, nes­suno escluso. Perché con la modalità #cisonoanchio forse non cambiamo il mondo, ma lo rendiamo sicuramente migliore”.

Monica Sommacampagna, #cisonoanchio, postafzione Giuliana Guadagnini, Gabrielli editori, cyberbullismo, bullismo, millenialsMonica Sommacampagna, veronese, è giornalista negli ambiti scuola e cyberbullismo per “L’Arena”. Ha iniziato a scrivere sin da piccola, poi ha avuto la fortuna di conoscere Giuseppe Pontiggia e di sperimentare, in corso con Stefano Bordiglioni, la scrittura creativa con Stefano Benni e Jacopo Fo alla Libera Università di Alcatraz a Perugia. Il suo primo romanzo è “L’uomo senza etichetta” (Olioofficina, 2015), la storia di un sommelier di vita che, attraverso profumi e sapori si toglie etichette e scopre la propria ricetta di felicità. “#cisonoanchio” è il suo primo libro per ragazzi (e non solo).

Recommended Posts