In offerta!
Diario Asiatico

Diario asiatico

Dagli appunti originali

€ 18,00 € 16,00

Autore: Thomas Merton
A cura di Mario Zaninelli

ISBN: 978-88-6099-246-8
Pagine: 304
Formato: 14 x 21
Anno: 2015
Anteprima: Disponibile

Descrizione prodotto

Il 15 ottobre del 1968, Thomas Merton, monaco e scrittore dell’Abbazia Trappista di Nostra Signora del Gethsemani, nel Kentucky, Stati Uniti, lascia il suolo americano per dirigersi ad una Conferenza che si sarebbe svolta a Bangkok in Tailandia dove il tema fu il rinnovamento del monachesimo in Asia. Merton preparò con grande intensità spirituale ed intellettuale il viaggio verso l’Oriente che considerava un pellegrinaggio, secondo un progetto considerato e ponderato da alcuni anni. Il viaggio si snodò attraverso l’India, Sri Lanka (allora Ceylon), il Tibet e la Tailandia. Incontrò monaci occidentali, monache, eremiti, esponenti del mondo religioso Buddista (tra cui l’attuale Dalai Lama), di quelli del mondo Induista, e altri personaggi che rappresentavano le personalità anche di altre esperienze religiose come lo Zen. Il 10 dicembre del 1968 tutto ciò venne drammaticamente interrotto con la morte improvvisa di Merton.
Dagli appunti autografi di quel viaggio abbiamo come risultato questo volume che a distanza di cinquant’anni viene ora riproposto al pubblico dei lettori italiani, corredato dall’Introduzione di Antonio Montanari e dalla postfazione di Alessandro Barban osb cam. Del testo precedentemente pubblicato da Garzanti nel 1975 si è voluto conservare solo tutto quello che strettamente era attinente all’esperienza del viaggio, con l’intento di far parlare il cuore di Merton, venuto in Oriente come pellegrino e come profeta del dialogo interreligioso.

Thomas Merton è considerato uno dei più importanti scrittori americani cattolici del ventesimo secolo. La sua opera autobiografica “La montagna dalle sette balze” è stata pubblicata in milioni di copie e tradotta in ventotto lingue. Merton scrisse altri sessanta libri, centinaia di poesie, articoli, lettere, diari che spaziano dalla spiritualità monastica ai diritti civili alla non violenza all’ecumenismo, agli armamenti nucleari.
Nato a Prades, Francia, il 31 gennaio 1915, morto a Bangkok, Tailandia, il 10 dicembre 1968, figlio di artisti, un fratello: Jean Paul (1918 – 1943). I genitori e il fratello lasciano Tom completamente solo entro i 28 anni della sua esistenza. Prima di entrare in Abbazia, Merton si forma accademicamente in Francia, in Inghilterra e negli Stati Uniti. Si laurea alla Columbia University di New York con una tesi su William Blake nel 1938. Nella sua formazione si accosta ad autori come Etienne Gilson, Aldous Huxley, Gerald Manley Hopkins, James Joice e Jacques Maritain di cui divenne amico e incontrò in Abbazia al Gethsemani nel 1966. Nel 1938, il 16 novembre riceve il Battesimo presso la Chiesa di Corpus Christi in New York e, dopo un percorso di riflessione e di ritiro presso l’Abbazia del Kentucky, entra nel monastero di Nostra Signora del Gethsemani dell’Ordine Cistercense della Stretta Osservanza (Trappisti) il 10 dicembre 1941. Nel 1965 riceve il permesso di vivere da eremita all’interno delle mura del monastero stesso. Il volume Diario asiatico lascia a noi tante suggestioni che ci fanno apprezzare la straordinaria vita di ricerca del monaco trappista sempre aperto a nuovi orizzonti spirituali.

I Curatori del volume

Mario Zaninelli, sacerdote della Diocesi di Milano. Si occupa da più di vent’anni dello studio e della traduzione in italiano degli scritti di Thomas Merton. è coordinatore scientifico dell’Associazione Thomas Merton Italia (ATMI), affiliata all’International Thomas Merton Society (ITMS) americana.

Antonio Montanari, sacerdote della Diocesi di Pavia, docente di Storia della Spiritualità presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale e il Centro Studi di Spiritualità di Milano, di cui è anche direttore. Autore di diversi studi di teologia e spiritualità.

Scrivici

Potete inviarci una e-mail, vi risponderemo al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt
diario di un marciatoreAnche la scienza parla per metafore