Segnaposto

Carmine Galanti, Dantista e Poeti

Il Dantista - Seconda metà dell'Ottocento, Dante, simbolo di riscatto e di dignità per l'Italia unita.

COD: XX28 Categoria:



ISBN:
Pagine: 236
Formato: 17 x 21
Anno: 1993
Anteprima:
SKU: XX28. Category: .

Descrizione prodotto

Carmine Galanti (1821 – 1890) fu commentatore e studioso di Dante, in particolare della Divina Commedia, ammirato e apprezzato nell’agone letterario e culturale della seconda metà dell’Ottocento. Egli, da un modesto centro dello Stato Pontificio (poi del regno d’Italia), lavorò da “umile prete di una piccola diocesi, alla pari di un cattedratico”; svolse una infiinita mole di lavoro di chiosatura e di commento intorno alla Divina Commedia. Galanti non mancò all’appuntamento con la storia, politica e culturale, dell’Italia unita, che vedeva nella figura di Dante e nelle sue opere il simbolo del riscatto e della dignità morale del popolo italiano. Rivestono un’importanza fondamentale le 36 lettere a stampa inviate dal Galanti all’amico Luigi Benassuti, arciprete di cerea e autore del ponderoso commento cattolico (tre volumi 1864-68) alla Divina Commedia. Il nostro autore studiò, criticò e ampliò le tesi del Benassuti, che quest’ultimo tenne in considerazione nel continuare il suo lavoro. Dopo la morte del benassuti, Galanti si impegnò in un lavoro più ampio e ancor più originale tenendo conto della esegesi militante, mettendosi in corrispondenza con dantisti come Scartazzini, del Lungo, Cornoldi e altri; con personalità del tempo come il nobile Giuseppe Rossi, papa Leone XIII. Corrispondenza che andrà a formare una seconda serie di 37 lettere.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.25 kg
Colore

giallo

Pagine

236

Formato

17 x 24

Anno di Pubblicazione

1993

Autore

Rolando Perazzoli

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Scrivi la prima recensione per “Carmine Galanti, Dantista e Poeti”

Scrivici

Potete inviarci una e-mail, vi risponderemo al più presto.

Not readable? Change text. captcha txt
Bianco e nera