Padre Fabrizio Mario Forti. L’uomo che gioca

Scritti su vecchie e nuove povertà

 18,00



Autore: a cura di Walter Nardon e Silvio Toniolli

ISBN: 978-88-6099-440-0
Pagine: 351
Formato: 15 x 21
Anno: 2020
Anteprima: Disponibile

Descrizione

Nel saggio che dà il titolo a questo libro Fabrizio Forti è molto chiaro: quando chi soffre è preso nella morsa dell’educazione e dell’affermazione di sé (per non parlare della rete di rapporti familiari spesso deteriorati o ampiamente guasti), può cercare insieme agli altri una soluzione per ripartire interpretando il proprio sforzo quotidiano e il ruolo svolto nella comunità come un gioco, o una serie di giochi in cui impegnarsi in modo appassionato, ma critico. Padre Fabrizio Mario Forti (1949-2016) è stato una figura autorevole nel contrasto al disagio psichico, relazionale e sociale in Trentino negli ultimi trent’anni del Novecento e nei primi sedici del Duemila. Nel corso della sua vita ha creato e promosso numerose realtà oggi attive. Il suo impegno per la pace si è esteso in ambito internazionale negli anni Novanta con l’incarico di segretario nazionale della Commissione «Giustizia, Pace, Ecologia» dei Frati minori cappuccini italiani, le missioni diplomatiche e le marce nella Bosnia straziata dalla guerra. Questo volume raccoglie articoli e interventi dispersi per lo più in varie sedi – su riviste e fogli autoprodotti – e una serie di lezioni sul disagio psichico di un maestro indimenticabile: rigoroso e insieme irriverente.

Curatori del volume:
Walter Nardon Dopo la laurea e il dottorato di ricerca ha insegnato Letteratura italiana contemporanea e Didattica della Letteratura italiana all’Università di Trento, dove coordina una sezione del Seminario Internazionale sul Romanzo. Ha curato varie pubblicazioni su questi temi. Scrive per lo più racconti e saggi. Fra i suoi libri, L’illusione e l’evidenza (2016), Sibber (2014). Collabora a «Nazione Indiana», «Zibaldoni» e ad altre riviste. Insegna in un liceo.
Silvio Toniolli Dopo il diploma di magistero in Scienze Religiose e alcuni anni di insegnamento nelle scuole superiori si è impegnato nel settore del disagio: a Casa Lamar (Gardolo, Trento) con i malati di Aids; a Valle Aperta (Altavalle, Valle di Cembra) con sofferenti di disagio psichico e relazionale; è quindi passato a occuparsi di madri e bambini in difficoltà (Casa Accoglienza «La Vita – Padre Angelo», Trento). Nel 2018 è tornato a Valle Aperta. Con Alberto Folgheraiter ha scritto Beppa. La mamma delle mamme (2014).

Scrivici

Potete inviarci una e-mail, vi risponderemo al più presto.

0

Privacy Preference Center

Analitici

Utilizzati per avere statistiche in modo anonimo.

GAPS, NID
__utm.gif, collect, _gat, __utma, __utmb, __utmc,__utmt, __utmz, _ga, r/collect

Funzionamento Sito

Per gestire i commenti e i dati di sessione di Wordpress

comment_cookie,PHPSESSID, CookieConsent, _iub_cs-495958

Marketing

csrftoken,SESS#
fr